28 dicembre 2012

Novità

Kaffeehaus Tecnomanzia europallica | Desafio y fracaso
Kultur Time-lapse Camp Nou | Una gabbia di calci | Glossogrammi | Claustrophobic football
Cineteca Marseille - Bastia (1972) | Real Madrid - Manchester UTD (1968) | Francia - URSS (1967)
Pentavalide Suarez | Rivera
Istanti e riflessioni Joseph Ratzinger
Immagini Manchester UTD - Real Madrid (1968)Real Madrid - Manchester UTD (1968)
Canali Reupallogged Facebook | Twitter

.::.
Istanti
When Saturday Comes
30 marzo 1907, Villa Park, Birmingham.
26.000 spettatori assistono al 4-0 inflitto dall’Aston Villa al Liverpool. L’immagine è catturata da Albert Wilkes, fotografo e ancora giocatore (per la sua ultima stagione da professionista) dell’Aston Villa
.::.

Riflessioni
Se si assiste a una partita di baseball o di calcio, e se non si è americani, nel caso del baseball, o italiani nel caso del calcio, questi sport risultano molto difficili da capire. Per cercare di scoprire come funziona uno di tali giochi, non soltanto si devono scoprire quali sono le regole, ma quali sono i significati e l’importanza di determinati tipi di comportamento: questo, in un certo senso, equivale a leggere la partita come un testo.
(Clifford Geertz, L’interpretazione delle culture, intervista RAI Educational)

19 dicembre 2012

Novità

Nel ventennale della scomparsa di Gianni Brera
Vent'anni dopo | Aforismi | Sala Brera | Il più bel gioco del mondo | Dialogo sul calcio all'italiana (e non solo)
Rombo di TuonoAddio a Rocco | Il campo di Meazza | Rassegna stampa

Kaffeehaus Kleines dickes Müller | Geometrie euclidee
Kultur Il deodorante di Pelé
Cineteca Inghilterra - Olanda (1988) | Blackburn Rovers - West Bromwich Albion (1898)
XI Nereo Rocco
Pentavalide Zico | Riva
Canali Istanti e riflessioni | Reupallogged Facebook | Twitter

.::.
Istanti
30 luglio 1966, Wembley Stadium, Londra
I capitani di Germania e Inghilterra, Uwe Seeler e Bobby Moore, allo scambio dei gagliardetti prima del fischio di inizio della finale del Mondiale. Alle loro spalle una terna arbitrale rimasta famosa: Tofik Bachramov, Gottfried Dienst e Karol Galba
.::.

Riflessioni
Adesso anche Carosio parla di incornare, rilancio, concludere, seconda battuta, parata in due tempi, intramontabile, centrocampisti, eccetera eccetera. Carosio è un po’ l’Upim della lingua italiana: e comprano tutti da lui, anche quelli che affettano disprezzo: è il nostro portavoce: un po’ ciolla, anche lui, ma tanto efficace.
(Gianni Brera, Il più bel gioco del mondo, p. 64)

11 dicembre 2012

Novità

.::.

Riflessioni
It seemed sure: Brazil would sweep Italy aside and qualify for the Final, where the Cup would be theirs for the taking. It did not happen. This was where Paolo Rossi came suddenly and sensationally to life; this was the game which 'should' have been the World Cup Final. The game in which Brazil's glorious midfield, put finally to the test, could not make up for the deficiencies behind and in front of it. It took only five minutes for Rossi to score, and put Brazil on the ropes. The Italians, indeed, resumed where they had left off. As in the second half of their match against Argentina, they were untypically but exuberantly committed to attack, and they scored through Rossi after only five minutes.
(B. Glanville, The story of the World Cup, London, Faber and Faber, 2010, p. 251)

3 dicembre 2012

Novità

Kaffeehaus Match of the century
Storie Saint Andrew’s Day, 1872
Kultur In memoriam | Il catenaccio di Bersani | Inter Campus | I calciatori di Guttuso
Biblioteca I Mondiali di Jules Rimet | Editori specializzati | La storia di Sandrino
Cineteca England - Hungary (1953) | Amburgo - Göteborg (1982) | Il tacco di Penna Bianca
Istanti Rivera pallone d'oro
Pentavalide Meazza
Canali Istanti e riflessioni | Reupallogged Facebook

.::.
Istanti
18 giugno 1972, Stade du Heysel, Bruxelles
La Germania sta per vincere il suo primo campionato europeo. Il disciplinamento teutonico è invece vinto dall'emozione calcistica
.::.

Riflessioni
Il modo stesso di scandire i nomi di una squadra fino a pochi anni fa era in tutto e per tutto quello della Piramide di fine Ottocento. Si scandivano i nomi dei giocatori per linee. Cioè Sarti-Burgnich-Facchetti (pausa); Bedin-Guarneri-Picchi (altra pausa); poi tutto in un solo fiato, Jair-Mazzola-Milani-Suarez-Corso. Questa metrica è stata per un secolo il piccolo modo per avvicinarsi a qualunque squadra e qualunque partita fino alla rivoluzione di Sacchi e all'affermazione definitiva del 4-4-2 con tutte le sue varianti
(M. Sconcerti, Storia delle idee di calcio, pp. 19-20)